L'allarme degli scienziati: esseri umani estinti per colpa dell'Ia entro 20 anni

L’allarme degli scienziati: esseri umani estinti per colpa dell’Ia entro 20 anni

Condividi

Siamo come i dinosauri? La risposta è sì e il nostro meteorite potrebbe essere l’intelligenza artificiale. Entro 20 anni gli umani possono essere estinti dall’Ia. Anche se c’è ancora molta incertezza sul rischio potenzialmente posto dall’intelligenza artificiale, alcuni esperti temono che essa possa innescare la caduta del genere umano. Ma ancora più allarmante: gli scienziati ritengono che ci sia una probabilità del 50% che l’intelligenza artificiale supererà gli esseri umani nei prossimi 20 anni circa.

LEGGI ANCHE

Secondo uno studio per il quale sono stati intervistati 2.778 ricercatori sull’intelligenza artificiale, la maggioranza degli scienziati (58%) ritiene che esista una probabilità del 5% che gli umani siano estinti o di altre catastrofi dovute all’Ia. “È un segnale importante che la maggior parte dei ricercatori sull’intelligenza artificiale non trovano del tutto implausibile che l’intelligenza artificiale avanzata distrugga l’umanità”, ha detto a New Scientist la coautrice dell’articolo Katja Grace, del Machine Intelligence Research Institute di Berkeley, in California. “Penso che questa convinzione generale in un rischio non minuscolo sia molto più significativa dell’esatta percentuale”.

Gli intervistati prevedono che le probabilità che l’Ia riesca a completare con successo alcune attività complesse entro un decennio (ad esempio scrivere canzoni del calibro di quelle di Taylor Swift o codificare da zero un sito di elaborazione dei pagamenti) sono circa del 50% o superiori. Tuttavia, si prevede che compiti più complicati, come l’installazione di cavi elettrici o la risoluzione di misteri matematici, richiederanno più tempo per essere completati, ma potrebbero effettivamente verificarsi nel corso della nostra vita.

Entro il 2047 l’Ia supererà l’uomo

La probabilità che l’intelligenza artificiale superi l’uomo in ogni compito entro il 2047 è stata stimata al 50%, e la probabilità che tutti i lavori umani diventino completamente automatizzati entro il 2116 era del 50%. Tuttavia, entrambe le stime sono precedenti a quelle fornite nella versione del 2022 della stessa indagine. Ma nonostante le probabilità siano sempre più a nostro favore, gli scienziati dicono che non è ancora il momento di suonare l’allarme.

Questi sondaggi non sono sempre affidabili

L’indagine, la più ampia del suo genere fino ad oggi, ha invitato i ricercatori a esprimere le loro opinioni su come sarà la sequenza temporale per i futuri progressi e traguardi dell’IA, nonché sulle conseguenze sociali, buone e cattive, dell’Ia. Gli autori hanno avvertito che i ricercatori dell’intelligenza artificiale non sono esperti nelle previsioni dell’intelligenza artificiale. Inoltre, questo tipo di sondaggi “non hanno un buon track record” per prevedere i risultati dell’intelligenza artificiale. Quindi non c’è bisogno di preoccuparsi immediatamente, ha detto Émile Torres della Case Western Reserve University di Cleveland. In effetti, ricerche precedenti hanno dimostrato che le previsioni degli esperti di Ia non erano più accurate delle previsioni del “pubblico” nel lungo periodo.

I dubbi sui problemi immediati: i deepfake

Nel frattempo, i ricercatori avevano preoccupazioni più immediate riguardo all’intelligenza artificiale. Tra gli intervistati, il 70% o più ha espresso preoccupazione sostanziale o estrema per scenari quali deepfake, manipolazione dell’opinione pubblica, armi ingegnerizzate, controllo autoritario, peggioramento della disuguaglianza economica, diffusione di disinformazione e peggioramento della governance democratica. “Abbiamo già la tecnologia, qui e ora, che potrebbe seriamente minare la democrazia [degli Stati Uniti]”, afferma Torres. “Vedremo cosa succederà nelle elezioni (americane ndr) del 2024”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui