Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza

Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza

Condividi

Fare pipì nei canali di Amsterdam sta diventando un problema di vita o di morte. Ogni anno, circa 18 persone annegano nei famosi canali di Amsterdam e le statistiche mostrano che gli uomini rappresentano il numero più alto di morti. Anche se alcuni possono essere attribuiti all’ubriachezza e a tragici incidenti, la percentuale più alta delle vittime riguarda persone che perdono l’equilibrio mentre fanno la pipì nei canali. Questo nonostante in città ci siano tanti orinatoi pubblici. Il Times ha recentemente riferito del fenomeno dopo la morte di Sam van Grondelle, un 29enne originario di Amsterdam scomparso in ottobre prima che il suo corpo fosse scoperto nel canale tre giorni dopo.

LEGGI ANCHE

Allora cosa sta succedendo veramente?

Nell’ottobre 2023, Amsterdam rimase sbalordita quando il 29enne Sam van Grondelle scomparve dopo una serata fuori con i suoi amici. Dopo essere tornato in centro con il traghetto dopo una serata tra amici, è ripartito in bicicletta intorno alle 3:30 del mattino del 15 ottobre. Aveva intenzione di andare in bicicletta fino a casa sua, nella zona della stazione di Amstel, ma non è mai arrivato. Essendo cresciuto ad Amsterdam e avendo familiarità con la zona, scomparire era del tutto inusuale per lui, ed è iniziata una massiccia ricerca. Tre giorni dopo, il corpo di Sam fu tirato fuori dal canale. Ma ha sollevato più domande che risposte. Il dibattito sulla sicurezza delle inimitabili vie d’acqua di Amsterdam è stato nuovamente portato in primo piano.

Quante persone muoiono ogni anno nei canali di Amsterdam?

Circa 18 persone muoiono ogni anno nei canali di Amsterdam, per ragioni che vanno dall’intossicazione a un passo falso fatale. I percorsi lungo i 160 canali della città più famosa dei Paesi Bassi sono scarsamente illuminati e hanno guard rail per impedire alle auto di rotolare nell’acqua, dove la profondità può raggiungere fino a 3,5 metri. In passato, la gente del posto ha chiesto che venissero calate più scale nei canali e che venissero installate delle corde per raggiungerli. Molti degli uomini che cadono nei canali lo fanno mentre urinano. Molti vengono tirati fuori dall’acqua con le cerniere slacciate, nonostante i numerosi orinatoi pubblici della città.

La città è nota per i suoi orinatoi verdi “ricci”, strutture risalenti al XIX secolo realizzate in acciaio e curvate verso l’interno per garantire privacy a chi li utilizza. Negli ultimi anni i residenti ne hanno chiesto la rimozione, lamentando l’odore e il comportamento antisociale. Alcuni rimangono ancora sul lato dei canali, fornendo un’alternativa più sicura a coloro che scelgono di fare la pipì selvaggia. E la città di Amsterdam si è recentemente impegnata a investire in 50 gabinetti autopulenti.

Pipì nei canali ad Amsterdam: c’è patologia medica

La ricerca del medico legale Guido Reijnen suggerisce che urinare in acque libere mentre si è ubriachi comporta rischi aggiuntivi. La sincope minzionale – svenimento mentre si fa pipì – si verifica quando l’alcol che si beve fa abbassare improvvisamente la pressione sanguigna. Il fenomeno è comune soprattutto negli uomini anziani, ed è più comune nel cuore della notte. I medici raccomandano a coloro che soffrono di sincope minzionale di evitare l’eccesso di alcol, poiché può peggiorare i sintomi.

Nonostante la pletora di strutture pubbliche di Amsterdam, molti optano ancora per una “pipì selvaggia”: alcuni dei decessi potrebbero essere collegati a questo fenomeno sanitario, ma non è stato confermato. Una soluzione ovvia sarebbero le recinzioni, ma le recinzioni non sono state installate storicamente perché interrompevano il carico e lo scarico delle merci dalle chiatte. Oggi l’idea è stata considerata ‘sgradevole’ e un portavoce della città di Amsterdam ha dichiarato al Times: ‘Coprire questo patrimonio con recinzioni semplicemente non è un’opzione. E poi le recinzioni non sono una soluzione di prevenzione al 100%. Le persone possono ancora cadere quando sono ubriache. Molte persone si lanciano anche per divertimento, sottovalutando completamente i rischi”.

Nel 2020, la città ha presentato un piano per rinnovare i muri della banchina e aggiungere ulteriori “scale di annegamento” e “linee di presa”, posizionate ogni 50 o 60 metri. Ciò consente a chiunque cada nel canale di aggrapparsi alle funi a lato dei canali e seguirle fino ad una scala di emergenza.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza
Photo Credits: Unsplash
Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza
Photo Credits: Unsplash
Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza
Photo Credits: Unsplash
Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza Amsterdam, troppi fanno pipì nei canali e muoiono: scatta emergenza
Photo Credits: InstagramUnsplash