Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista

Cane con la testa nella bottiglia salvato da un’animalista

Condividi

Dopo un mese di tentativi è stato salvato il cane con la testa nella bottiglia che vagava in una città americana. Teri Goodnight è una nota animalista del Texas che salva i randagi e trova loro delle nuove famiglie adottive. Il suo ultimo salvataggio è diventato una storia strappalacrime. Si tratta di Jughead, cane che vagava per le strade della contea di Montgomery con una grande brocca di plastica attaccata al collo. Nessuno riusciva ad avvicinarsi a lui per aiutarlo.

LEGGI ANCHE

Nessuno riusciva ad avvicinare il cane

“Mi sono sentito così male per lui”, ha detto Goodnight, 45 anni, che è una “cacciatrice” di cani volontaria. Goodnight, che ha chiamato il cane Jughead, ha sentito parlare per la prima volta della situazione insolita in un post su Facebook. Ha saputo che si è trovato in questa situazione difficile mentre stava cercando cibo e si è imbattuto in una mangiatoia automatica per gatti sulla veranda di qualcuno. Mentre lo mangiava avidamente, vi si infilò la testa.

Per diversi giorni, il cane ha camminato per le strade con il contenitore sulla testa. La gente della zona ha cercato di aiutarlo, ma lui aveva paura e scappava ogni volta che qualcuno si avvicinava. Fortunatamente la mangiatoia per gatti aveva un foro laterale che permetteva al cane di respirare.

Ogni volta che il cane con la testa nella bottiglia veniva avvistato, era con un altro randagio, che Goodnight chiamava Red. Il primo giorno in cui li ha visti, “era semplicemente molto spaventato da tutto”, ha detto Goodnight di Jughead. “Poteva vedere solo da un lato del container”. Notò che riusciva a mangiare nonostante il contenitore, usando l’apertura laterale per raccogliere il cibo. “Aveva abbastanza fame da dover capire come mangiare con quel contenitore, e lo ha fatto”, ha detto Goodnight.

Il processo di cattura, ha spiegato, può essere impegnativo, soprattutto con i cani che non si fidano delle persone. Di solito installa una trappola umana per animali vivi – una grande gabbia che blocca gli animali che entrano – in un’area vicino al cane bersaglio. Lo riempie con hamburger, pollo o bacon per attirare il randagio. Goodnight spesso si accampa nella sua macchina per ore, aspettando che arrivino i cuccioli. Rimane nel campo visivo della trappola in modo da poterla monitorare e utilizza un grilletto remoto per chiudere la trappola una volta che gli animali vi entrano.

Un mese per catturare il cane con la testa nella bottiglia

Intrappolare il cane con la testa nella bottiglia, ha detto Goodnight, è stato il suo caso più difficile fino ad oggi. Nell’arco di 30 giorni, ha fatto 25 viaggi per catturarlo. Si è rifiutata di arrendersi. Durante ogni uscita riempiva la trappola con cibo caldo, che preparava utilizzando un fornello per creare il profumo più forte. Mentre alcuni randagi non mostrano alcuna esitazione prima di entrare nella trappola, altri, incluso Jughead, sembrano terrorizzati. In diverse occasioni, Red è entrato nella trappola, ma Goodnight ha deciso che se avesse intrappolato solo lui e non Jughead, Jughead sarebbe stato più vulnerabile. Lentamente ha messo Jughead più a suo agio con la trappola lasciandogli del cibo nelle vicinanze.

“Ci sono stati tre giorni diversi in cui sono stato lì per 24 ore di fila. Tutti gli altri giorni sono stata lì per più di 10 ore”, ha detto, aggiungendo che ha un telescopio termico, che le permette di vedere al buio. Nonostante gli intoppi, Goodnight era determinata a salvare Jughead e Red: entrambi, come aveva appreso da qualcuno nel quartiere, erano apparentemente randagi da luglio.

Rischiava di essere aggredito da altri animali

Sapeva che se non avesse preso Jughead sarebbe stato in pericolo. “Era super vulnerabile agli attacchi di altri cani”, ha detto Goodnight. “Non sarebbe nemmeno in grado di difendersi. Anche se era in grado di mangiare e bere, non era ancora al sicuro”. Dopo un mese di tentativi quasi quotidiani di intrappolare Jughead e Red, Goodnight è riuscita il 24 novembre.

Si pensa che Jughead, che è stato ribattezzato Buck, abbia qualche anno e probabilmente un mix di mastino o boxer. Red – ora Archie – ha la stessa età del suo amico ed è probabilmente un mix di pastore australiano e border collie. Entrambi i cani si trovano nella stessa casa adottiva e, dopo essere stati castrati e autorizzati da un veterinario, saranno disponibili per l’adozione.

LEGGI ALTRI ARTICOLI DI ANIMALI


Seguici anche su Google News: clicca qui
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook
Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista Cane con la testa nella bottiglia salvato da un'animalista
Photo Credits: Facebook