Figuraccia di John Kerry al Cop28: parla di emissioni, scappa un peto

Figuraccia di John Kerry al Cop28, parla di emissioni, scappa un peto: video

Condividi

Gaffe per John Kerry che durante un discorso sulle emissioni al Cop28 sente in sottofondo il rumore di un peto. L’inviato per il clima dell’amministrazione Biden stava discutendo della politica statunitense sulle centrali elettriche a carbone alla Conferenza sui cambiamenti climatici di Dubai domenica, quando Kerry potrebbe aver lanciato una “bombetta”. O almeno è quello che scrivono diversi media americani.

LEGGI ANCHE

Il mistero del peto di John Kerry

L’ex segretario di Stato stava parlando accanto a Becky Anderson, caporedattore della CNN Abu Dhabi, e Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, quando all’improvviso a metà frase è esploso un applauso. “Non dovrebbero più essere permesse centrali elettriche alimentate a carbone in nessuna parte del mondo”, ha esordito Kerry prima di lanciarsi in una diatriba anti-carbone.

“Mi ritrovo a diventare sempre più militante perché non capisco come gli adulti che si trovano in una posizione di responsabilità possano evitare di assumersi la responsabilità di portare via quelle cose che uccidono le persone ogni giorno”. Prima che Kerry concluda il suo pensiero, nel microfono si può sentire il suono rozzo del gas che passa. La folla scoppia in un applauso, apparentemente ignara della situazione.

Imbarazzo a chi sedeva attorno a Kerry

Anderson della CNN – seduta alla destra di Kerry e ad una distanza ravvicinata – sposta rapidamente la testa di lato e si porta discretamente la mano alla bocca, forse a coprire l’imbarazzo. Birol, il dirigente dell’energia, annuisce semplicemente con la testa in rapita contemplazione. “E la realtà è che la crisi climatica e la crisi sanitaria sono la stessa cosa”, continua Kerry senza sosta.

Larry O’Connor di Townhall Media ha detto che la presunta flatulenza di Kerry è motivo di imbarazzo per gli Stati Uniti. “Il problema più grande è che, durante l’intero scambio, in rappresentanza di noi, gli Stati Uniti d’America, ha tirato fuori un peto”, ha detto O’Connor. “Si è scatenato con flatulenza su un palcoscenico internazionale”. L’esperto ha detto che le prove erano schiaccianti e Kerry deve rispondere delle sue azioni. “Dovrebbe perdere immediatamente il lavoro”, ha detto.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: Facebook