... ... Non riesce a guarire dal Covid chiede suicidio in Svizzera
Madre di 4 figli non riesce a guarire dal Covid: apre colletta per suicidarsi in Svizzera

Madre di 4 figli non riesce a guarire dal Covid: apre colletta per suicidarsi in Svizzera

Condividi

Una donna madre di quattro figli sta progettando il suicidio assistito in Svizzera perché non riesce a guarire dal Covid. Il virus l’ha costretta a letto, con un dolore costante ed è incapace di prendersi cura dei suoi figli. Kelly Louise Smith-May, gravemente malata, sta cercando di raccogliere 10mila euro per recarsi in una struttura di morte assistita in Svizzera “per porre fine alla sua sofferenza” con la benedizione della sua famiglia dopo aver combattuto a lungo contro il Covid dal dicembre 2021.

LEGGI ANCHE

Da allora le condizioni della 39enne sono gradualmente peggiorate e lei non è più in grado di prendersi cura dei suoi figli. Ora è giunta alla dolorosa conclusione che deve porre fine alla propria vita. La famiglia Smith-May, che la sostiene pienamente in questa straziante scelta, ha detto: “Non è arrivata facilmente a questa decisione”. Nel messaggio inserito nella raccolta fondi su GoFundMe scritto da un caro amico, la signora Smith-May, del Gloucestershire, non è più in grado di prendersi cura dei suoi figli – Kai, Tawny, Zayn e Jett – “che adora assolutamente con tutto il suo cuore”.

Non riesce a fare nulla, nemmeno a guardare la tv

È diventata anche “totalmente dipendente” da suo marito Stuart. Kelly Louise, una mamma casalinga, ha descritto la sua malattia come “essere avvelenata ogni minuto della giornata” e una “condanna a morte vivente”. La sua famiglia intende portarla in camper attraverso il tunnel dell’Euro fino alla Francia, poi alla clinica svizzera Pegasos. “Trascorre tutto il giorno, tutti i giorni, al buio, dolorosamente sensibile alla luce, al rumore, agli odori e al movimento”, si legge.

“Non riesce più a sedersi, a stare in piedi o a camminare. Riesce a malapena a parlare. Soffre di una grave insonnia e quando riesce a dormire qualche ora, non è riposante. A causa di dolorosi sintomi neurologici, non può tollerare la musica, TV, o interagire con gli amici. Non può prendersi cura dei suoi quattro figli che adora con tutto il cuore,” si legge nella pagina.

Nessuna cura l’ha aiutata

La raccolta fondi descrive come la signora Smith-May non sia arrivata facilmente alla decisione di chiedere l’eutanasia all’estero, descrivendo i 22 mesi di sofferenza che ha vissuto come “sufficienti”. “Non esiste una cura e tutti i trattamenti possibili hanno fallito”, si legge nella pagina. “Kelly ha visitato medici, è stata in strutture ed ha esaurito ogni mezzo raccomandato per migliorare le sue condizioni senza risultati.” Soffre un dolore continuo in tutto il corpo che i medici non sono in grado di alleviare, lasciandole altra scelta se non quella di porre fine alla sua sofferenza. “

La pagina di raccolta fondi, scritta da un amico di famiglia non identificato, chiede alle persone di aiutare la famiglia a soddisfare l’ultimo desiderio della signora Smith-May. “La vostra gentilezza e generosità daranno a Kelly il dono della libertà dal dolore nel rispetto della sua famiglia, che sostiene la sua scelta e vuole onorare la donna che è”, aggiunge.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui