Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"

Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: “Ucciso dai bulli di internet”

Condividi

Ed Piskor, fumettista di culto che lavorava per la Marvel Comics, è morto suicida poco dopo aver pubblicato sui social media una pesantissima accusa: “Sono stato ucciso dai bulli di internet”. Il pluripremiato artista di fumetti Ed Piskor, che ha ottenuto un enorme seguito per le sue graphic novel e il lavoro su X-Men: Grand Design della Marvel, è morto all’età di 41 anni, ha confermato la sua famiglia.

LEGGI ANCHE

La causa della morte non è stata fornita, tuttavia, poche ore prima il nativo della Pennsylvania si era rivolto a Facebook per condividere quella che sembra essere una nota di suicidio, condannando i bulli di Internet e cancellando la cultura in un addio di 2.497 parole (leggi qua la lettera completa).

Il tragico post è arrivato pochi giorni dopo che le accuse secondo cui Piskor aveva inviato messaggi sessualmente espliciti a una ragazza di 17 anni avevano invaso Internet e lo avevano visto perdere un contratto da 75.000 dollari per un webcomic, mentre la sua prossima mostra d’arte al Pittsburgh Cultural Trust era stata rinviata. Defiant Piskor, 41 anni, ha negato che fosse successo qualcosa di sbagliato, ha criticato i suoi accusatori su Internet e ha detto che avevano la responsabilità della sua morte.

“Mi hanno assassinato i bulli di internet”

“Sono stato assassinato dai bulli di Internet. Sono quantità enormi”, ha scritto nei suoi paragrafi finali. “Alcuni di voi là fuori hanno assolutamente contribuito alla mia morte mentre vi divertivate con i pettegolezzi. Non ero un’IA. Ero un vero essere umano. Hai scheggiato pezzetti della mia autostima per tutta la settimana fino a quando non sono stato vaporizzato. Forse sarò in grado di perseguitare voi idioti come un fantasma. Vengo da origini zingare e sicuramente sto maledicendo molti di voi”.

“Questo è il momento più calmo che ho sentito in tutta la settimana. Per me è finita. Mi dispiace per il dolore che causerà alla mia famiglia e ai miei amici più cari. Spero che questo induca le persone a pensarci due volte quando si uniscono a una frenesia alimentare su Internet. Ecco qua. Maniaco del controllo fino all’ultimo. Tranquillo”, ha concluso.

Il messaggio del 1° aprile ha scatenato una frenesia di amici che hanno postato sulla sua timeline, alcuni dicendo che stavano andando a casa sua a Homestead, un sobborgo di Pittsburgh, in Pennsylvania. Ma poco dopo, la sorella di Piskor, Justine Cleaves, ha confermato la tragica notizia su Facebook dicendo: “È con il cuore più spezzato che condivido che il mio fratello maggiore, Ed, è morto oggi. Per favore, porta la nostra famiglia nelle tue preghiere perché questa è la cosa più difficile che abbiamo mai dovuto affrontare”.

Le accuse online a Ed Piskor da parte di una ragazza

Qualche settimana fa quando una ragazza pubblica dei presunti messaggi di Piskor in cui il fumettista ha un vago tono allusivo. L’accusatrice di Piskor, anche lei fumettista, ha affermato di essere stata adescata da Piskor durante il Covid nel 2020, quando aveva 17 anni. Tra i messaggi c’è un invito a dormire a casa sua se si fosse trovata dalle sue parti. Successivamente altre due aspiranti fumettiste denunciato l’autore Marvel accusandolo di aver fatto loro richieste sessuali in cambio di “aiuti” in ambito lavorativo. Piksor nega sulle ultime due ragazze mentre sulla prima minimizza. E qui scatta il branco online, parte un “crociata” contro di lui che si trasforma subito in contratti saltati e colleghi che lo allontanano. Insomma, vince il tribunale della Rete.

Piskor, era conosciuto per il suo lavoro Marvel, i suoi graphic novel come Hip-Hop Family Tree e anche per essere stato co-conduttore del canale di commenti di successo di YouTube Cartoonist Kayfabe con il creatore di fumetti Jim Rugg. Ha anche sviluppato il fumetto horror Red Room, una serie di storie incentrate ironicamente sui peggiori personaggi online e sottotitolate The Antisocial Network.

Nella lettera il fumettista sucida si proclama innocente

Il creatore di fumetti ha iniziato la sua lettera di suicidio proclamando la sua innocenza e nominando in modo criptico il suo accusatore, scrivendo: “Mi dispiace così tanto di essere così stupido. Sicuramente non avrei mai dovuto parlare con Molly D. Il linguaggio e l’ottica sembrano, nella migliore delle ipotesi, davvero stupidi, ma professo la mia innocenza. Era il culmine del Covid e non si vedeva la fine e sono stato solo per gran parte del tempo”.

“Ero semplicemente felice di avere Internet per parlare con persone con interessi comuni. Il modo in cui l’ho notata è stato quando voleva un sacco di mie foto in una volta”. Ha ammesso: “Sicuramente non avrei dovuto chiacchierare con lei quando ho scoperto quanto fosse giovane. La curiosità ha ucciso il fumettista. Non c’era alcuna possibilità che un diciassettenne restasse a casa mia. Forse nemmeno 18. Ero proiettato verso un futuro sconosciuto in cui i blocchi di Covid fossero finiti e avremmo potuto vedere di nuovo le persone”.

Le scuse alla famiglia, alla mamma e al papà

L’artista si è scusato con la sua famiglia, dicendo ai suoi genitori Ed Sr, 74 anni, e Diane, 64 anni, di usare i suoi beni per trasferirsi in una casa senza troppe scale: “Lascia tutto ciò di cui non utilizzerai per il resto della tua vita a me”. Ha aggiunto in tono toccante: “Papà mi ha chiamato stamattina e voleva che tornassi a casa, ma è troppo tardi. È stato bello sentire la tua voce anche oggi, mamma”. Piskor ha fornito istruzioni dettagliate sulla sua proprietà intellettuale e su come garantire che creasse un reddito per la sua famiglia.

E poi è arrivato alla morte, anche se non ha detto dove e quando sarebbe avvenuta. Le sue agghiaccianti istruzioni erano: “Il mio telefono è completamente carico ed è acceso, quindi sono sicuro che possa essere contattato e rintracciato dai primi soccorritori”. All’inizio della sua conclusione, Piskor ha fatto riferimento al romanzo 1984 di George Orwell, in cui un regime totalitario manipola le persone inducendole a credere in qualsiasi cosa.

Il tragico epilogo per il fumettista Ed Pisksor

“Ancora una volta sono colpevole di essere stupido”, ha scritto. “Senza dubbio. Ma questo è tutto. Non avrei mai pensato nemmeno in un milione di anni di fare questo passo, ma non avrei mai pensato nemmeno in un milione di anni che mi potesse succedere qualcosa di così orwelliano. Non si sa mai in questa vita”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Instagram
Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet" Noto fumettista Ed Piskor suicida dopo gogna online: "Ucciso dai bulli di internet"
Photo Credits: Facebook