... ... Riconoscimento facciale per vedere porno? Le regole per i minori
Riconoscimento facciale per vedere il porno? Nuove regole

Riconoscimento facciale per vedere il porno? Nuove regole a tutela dei minori

Condividi

Nuove regole in Gran Bretagna entro il 2025 per vedere i siti porno a tutela dei minori. I siti per adulti dovranno garantire che gli utenti abbiano più di 18 anni controllando la loro identità, chiedendo alla propria banca o ai gestori di telefonia mobile di garantire per loro o utilizzando una tecnologia in grado di stimare la loro età dalle immagini. L’organismo di vigilanza della Gran Bretagna Ofcom ha stabilito delle linee guida su come aspettarsi che i siti Web per adulti proteggano i giovani dai contenuti sessualmente espliciti ai sensi della legge sulla sicurezza online.

LEGGI ANCHE

L’autodichiarazione dell’età non funziona

In media, i bambini hanno solo 13 anni quando incontrano per la prima volta il porno online. L’organismo di vigilanza ha affermato che non accetterà controlli sull’età “più deboli”, come consentire agli utenti di auto dichiarare la propria età o semplicemente aggiungere disclaimer o avvisi a materiale sessualmente esplicito. Da un sondaggio è emerso che la maggior parte dei britannici è favorevole all’introduzione di misure più severe, ma la metà ha affermato di essere preoccupata all’idea di divulgare le proprie informazioni personali e private.

Per vedere il porno controlli ferrei a tutela dei minori

Ofcom, l’authority delle telecomunicazioni britannica, ha affermato che tutti i metodi di assicurazione dell’età sono soggetti alle leggi sulla privacy del Regno Unito e sono supervisionati dall’ufficio del commissario per l’informazione. È possibile accedere facilmente al porno hardcore con un semplice clic di un pulsante, e la ricerca ha scoperto che le immagini violente portano gli adolescenti a credere che lo strangolamento e gli schiaffi siano una parte normale del sesso. Entro il 2025, i siti e le app per adulti saranno tenuti a tenere registri scritti che spieghino come stanno proteggendo i bambini dall’accesso al porno, pena una pesante multa fino al 10% del loro fatturato globale.

Anche il riconoscimento facciale tra le ipotesi

L’autorità di regolamentazione ha affermato che si aspetta che i siti porno “lavorino con noi” e ha elencato potenziali misure di “garanzia dell’età” che ritiene sarebbero “altamente efficaci”. Questi includono gli utenti che chiedono alla propria banca o al proprio operatore di telefonia mobile di confermare di essere un adulto, di condividere il proprio passaporto o patente di guida con il sito Web o di caricare un’immagine su un’azienda che utilizza la più recente tecnologia di analisi facciale per stimare l’età di una persona senza identificarla.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui