Ricoverata per la diarrea: le amputano le dita di mani e piedi

Condividi

Una donna thailandese e suo marito hanno presentato una denuncia contro un ospedale di Chon Buri (Thailandia) dopo che un medico ha amputato le dita delle mani e dei piedi della donna durante la sua visita in ospedale per una grave diarrea. Questo incidente, avvenuto il 12 aprile, ha suscitato polemiche e speculazioni, con alcuni utenti che hanno suggerito come l’amputazione sia probabilmente avvenuta per salvarle la vita.

Il marito, Chai, ha condiviso l’esperienza straziante di sua moglie con Channel 3 il 26 giugno. Secondo Chai, sua moglie di 30 anni ha iniziato a soffrire di una grave diarrea, che ha portato il 42enne a portarla d’urgenza in un ospedale locale. Tuttavia, a causa della sua pressione sanguigna estremamente bassa, è stata immediatamente ricoverata al pronto soccorso.

All’arrivo, il medico ha informato Chai che sua moglie soffriva di insufficienza renale e necessitava di dialisi. Per procedere con le procedure necessarie, a Chai è stato presentato un modulo di consenso che richiedeva l’autorizzazione per un’ecografia duplex carotidea. Confidando nell’esperienza del medico, Chai ha firmato il documento, nonostante le preoccupazioni espresse dalla moglie riguardo all’intervento chirurgico.

Operata per una appendicite

Tuttavia, con stupore, l’uomo in seguito scoprì che l’intervento chirurgico eseguito su sua moglie era un’appendicectomia, una procedura non correlata alla sua condizione iniziale. Durante la degenza in ospedale dal 12 al 20 aprile, Chai ha notato che la moglie non ha visto né interagito con alcun medico, poiché era il periodo delle vacanze di una festività nazionale, il Songkran, durante il quale la maggior parte dei medici non era disponibile.

Le dita hanno iniziato ad andare in cancrena

Col passare del tempo, Chai ha notato un preoccupante cambiamento nelle condizioni di sua moglie. Le dita delle mani e dei piedi erano diventate scure, apparendo senza vita. Inoltre, sembrava poco lucida e non rispondeva durante le conversazioni. E si arriva dunque al 24 aprile quando il medico ha comunicato con Chai e sua moglie chiedendo di precedenti infezioni. È stato quindi rivelato che la donna aveva sviluppato la sepsi, una grave infezione del sangue, che portava a livelli ridotti di ossigeno e al conseguente alla cancrena nelle estremità.

E’ stata dunque presa una misura drastica per salvarle la vita, i medici non hanno avuto altra scelta che amputare le dita delle mani e dei piedi colpite. Di conseguenza, ha perso diverse dita della mano sinistra, tutta la mano destra e tutte le dita dei piedi. È stata dimessa dall’ospedale il 26 aprile.

L’ospedale apre un’inchiesta

La coppia ha espresso il proprio sconcerto, chiedendosi perché una diarrea possa portare a misure così estreme. Chai ha affermato che sua moglie era sempre stata in buona salute, sottoponendosi a controlli annuali senza preoccupazioni significative. Trovavano difficile comprendere come la sola diarrea potesse portare a conseguenze così devastanti. Il canale thailandese Channel 3 ha contattato l’ospedale per sentire il loro punto di vista. L’ospedale ha riconosciuto la gravità della situazione e ha espresso l’intenzione di tenere presto una riunione per affrontare il caso.


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: Instagram
Photo Credits: Instagram