Scandalo all'università: pubblica online l'elenco delle studentesse vergini

Scandalo all’università: pubblica online l’elenco delle studentesse vergini

Condividi

Scandalo in una università del Kazakistan dove è stato inviato su delle chat l’elenco delle studentesse vergini. Sui social media sono state pubblicate informazioni mediche altamente personali e riservate riguardanti centinaia di donne. Non è chiaro il motivo per cui i medici collegati all’Università nazionale del Kazakistan Al-Farabi di Almaty abbiano raccolto informazioni sullo stato di verginità dei suoi studenti di età compresa tra 17 e 21 anni.

Elenco delle studentesse vergini nelle chat

Ma così è stato e i dati – con nomi, età, numeri di telefono e codici fiscali della donna – sono trapelati ampiamente nelle chat whatsapp della prestigiosa università. Sembra che le studentesse siano state sottoposte a esami ginecologici intimi presso il centro medico dell’università, e sono i risultati di questi che sono trapelati. Non è chiaro se gli esami fossero obbligatori per gli studenti nell’ex stato sovietico.

“Il trasferimento di dati personali, soprattutto di natura medica, è una violazione”, ha ammesso Sayasat Nurbek, ministro della Scienza e dell’Istruzione superiore del Kazakistan, che è stato costretto a intervenire. “Ho preso il controllo di questo problema, perché qui c’è una violazione diretta. I responsabili saranno puniti secondo la nostra legislazione attuale”.

Un ginecologo ha visitato le studentesse

I primi rapporti dicono che lo stato di verginità di almeno 190 studenti è trapelato e può essere visualizzato dai loro insegnanti e da altri studenti. Tra i dati trapelati figurano “i risultati di un esame effettuato da un ginecologo, che ha accertato se la paziente era vergine”, è stato riferito. “I documenti sono stati immediatamente distribuiti in tutte le chat universitarie”, ha affermato un organo di stampa. I dati personali sono arrivati ​​all’ufficio del preside, quando il campanello d’allarme ha cominciato a suonare”.

L’errore effettuato da un medico

Una versione è che le autorità universitarie avrebbero dovuto fornire un elenco degli studenti che non si erano sottoposti agli esami fluorografici, ma un errore ha fatto sì che fosse inviato lo stato di verginità e altri dati personali. Le studentesse sono furiose per la divulgazione. “I nostri dati personali sono appesi su ogni lampione”, si è lamentato uno.

Un altro ha commentato: “Dopo esami medici intimi, raccolgono informazioni e le inseriscono in una chat room generale”. Un altro colpo: “In Kazakistan non esiste alcun concetto di spazio personale e privacy”. L’università rescinderà ora il contratto con il centro medico accusato dell’errore, dicono i rapporti. L’università sta anche conducendo una revisione interna, dicono i rapporti.


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: TikTok