... ... Siccità in California,acqua di fogna trasformata in potabile per legge
Siccità in California, autorizzato l'uso di acqua di fogna per quella potabile

Siccità in California, autorizzato l’uso di acqua di fogna per quella potabile

Condividi

La California, soggetta a siccità, ha approvato nuove regole per trasformare le acque di fogna direttamente in acqua potabile. Il Consiglio di controllo delle risorse idriche della California ha approvato nuove regole per trasformare l’acqua dei servizi igienici e di altri usi in acqua potabile. I funzionari statali ritengono che le regole aiuteranno lo stato incline alla siccità ad avere una fonte di acqua potabile più affidabile. La California è il secondo stato degli Usa ad approvare normative statali per l’uso diretto delle acque reflue riciclate. Il Colorado ha approvato regolamenti simili lo scorso anno. Le regole impongono alle agenzie idriche di informare i clienti prima che inizino a farlo.

LEGGI ANCHE

Acqua di fogna trasformata in potabile: colpa della siccità

Tecnologie comprovate in grado di riciclare le acque reflue per il consumo umano hanno guadagnato maggiore credito negli ultimi anni. In elaborazione da più di un decennio, i regolamenti adottati dal Consiglio statale di controllo delle risorse idriche rappresentano una pietra miliare nel tentativo di recuperare alcune delle centinaia di milioni di litri di rifiuti che ogni anno finiscono in mare inutilizzati, dicono i sostenitori.

“Oggi si inaugura una nuova era di riutilizzo dell’acqua”, ha affermato in una nota Patricia Sinicropi, direttrice esecutiva del gruppo di riciclo WateReuse California. Diverse comunità da anni mescolano acque reflue altamente purificate in falde acquifere e serbatoi prima che le persone possano berle, una pratica nota nel gergo di ingegneri e gestori delle risorse come “riutilizzo potabile indiretto”.

Il documento di 69 pagine approvato martedì fornisce un quadro giuridico e normativo per il “riutilizzo potabile diretto”, consentendo al prodotto finale della depurazione avanzata di essere immesso direttamente nei sistemi di acqua potabile, senza prima effettuare una sosta in una sorta di buffer ambientale. La base della tecnologia, utilizzata da più di un decennio nella Contea di Orange, prevede lo scarico dei rifiuti pretrattati attraverso un’intensa microfiltrazione, osmosi inversa e disinfezione mediante luce ultravioletta e perossido di idrogeno.

Come avviene la purificazione dell’acqua

Le nuove normative impongono un ulteriore processo disinfettante con ozono e una filtrazione biologica del carbonio. Sono inoltre necessari una maggiore rimozione degli agenti patogeni e un monitoraggio più rigoroso. In alcuni casi, l’acqua verrebbe convogliata verso un impianto di trattamento convenzionale dell’acqua potabile prima di essere convogliata alle famiglie. In altri potrebbe andare direttamente al rubinetto.

Ma il costo è alto: si prevede che gli investimenti in tali strutture ammonteranno ad almeno 1 miliardo di dollari, limitandoli a grandi servizi di approvvigionamento idrico ben finanziati, hanno detto i funzionari. Il Metropolitan Water District della California meridionale ha in programma di costruire un impianto da 6 miliardi di dollari nella città di Carson, a sud di Los Angeles, che diventerebbe il più grande progetto di riciclaggio dell’acqua della nazione. Il sistema di rifornimento delle acque sotterranee di Orange County, attualmente classificato come il più grande, all’inizio di quest’anno ha aumentato la produzione giornaliera a 130 milioni di galloni, sufficienti a soddisfare le esigenze di un milione di persone.

In Texas il primo impianto americano

Il Texas è l’unico stato degli Stati Uniti ad aver precedentemente approvato il riciclaggio diretto di acqua potabile, con due sistemi su piccola scala che sono stati attivati ​​nel 2014 per servire le città colpite da un’emergenza idrica causata dalla siccità. Il Colorado ha inoltre sviluppato linee guida relativamente limitate per tali progetti. La tecnologia per purificare le acque reflue è simile a quella utilizzata nella desalinizzazione, il processo apparentemente più appetibile di conversione dell’acqua salata in acqua dolce.

Ma il riciclaggio delle acque reflue è più rispettoso dell’ambiente, poiché riduce la quantità di rifiuti scaricati nei fiumi e negli oceani, evitando allo stesso tempo i danni alla vita marina causati dai tubi di aspirazione oceanici utilizzati negli impianti di dissalazione e dal sottoprodotto altamente concentrato della salamoia che scaricano in mare. Un altro inconveniente della desalinizzazione è il costo relativamente elevato della rimozione del sale dall’acqua di mare, che contiene 30 volte più impurità disciolte rispetto all’acqua fognaria e quindi richiede molta più energia per distillare.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
A Milano esonda il Seveso, la zona Niguarda allagata A Milano esonda il Seveso, la zona Niguarda allagata
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo
Photo Credits: Signo