Stangata di Musk su X: un dollaro all’anno per i nuovi utenti, ecco dove

Condividi

Dopo aver fatto pagare la spunta blu, Elon Musk introduce ancora più addebiti su X. Musk, che ha acquistato quello che precedentemente era noto come Twitter per 44 miliardi di dollari nell’aprile 2022, ha introdotto una serie di cambiamenti (oltre a ridurre l’organico) da quando è subentrato, nessuno dei quali lo ha reso molto popolare. Ora vuole far pagare agli utenti un dollaro all’anno per utilizzare la piattaforma.


LEGGI ANCHE


Musk pensa di eliminare così i bot

Alcuni utenti hanno suggerito che il conteggio delle mosse aumenterà i guadagni di X di 14-21 miliardi di dollari all’anno. Altri non ne sono rimasti contenti, e uno di loro ha scritto: “Non pagherei solo per usare l’app Twitter. Sarebbe la goccia che fa traboccare il vaso”. “Perché dovrei pagare per vedere i tweet di altre persone che pagano per Twitter, il gruppo più noto per avere i peggiori tweet mai realizzati”, gli ha fatto eco un altro. La nuova mossa per fare soldi si chiama “Not A Bot”. Ed è semplice: le persone pagano sostanzialmente per dimostrare di non essere un robot o spam sull’account dei social media.

Un comunicato sul sito web di X afferma: “A partire dal 17 ottobre 2023 abbiamo iniziato a testare ‘Not A Bot’, un nuovo metodo di abbonamento per i nuovi utenti in due paesi. Questo nuovo test è stato sviluppato per rafforzare i nostri già significativi sforzi volti a ridurre lo spam, la manipolazione della nostra piattaforma e l’attività dei bot. Questo valuterà una misura potenzialmente potente per aiutarci a combattere bot e spammer su X, bilanciando al tempo stesso l’accessibilità della piattaforma con il piccolo importo della tariffa. Nell’ambito di questo test, gli utenti esistenti non sono interessati”.

Ecco i Paesi che sono stati coinvolti

Il test viene effettuato in Nuova Zelanda e Filippine. I nuovi utenti nei due paesi dovranno verificare il proprio numero di telefono e quindi scegliere di pagare un dollaro all’anno “per eseguire determinate azioni sulla versione web della piattaforma: pubblicare contenuti, mettere Mi piace ai post, rispondere, ripubblicare e citare i post di altri account”. Il sito web rileva che i prezzi possono variare da paese a paese.


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X