... ... Svizzera vuol legalizzare cocaina: ce n'è troppa,costa come la birra
Svizzera vuole legalizzare cocaina: ce n'è troppa, costa meno della birra

Svizzera pensa a legalizzare cocaina: ce n’è troppa, costa meno della birra

Condividi

La Svizzera potrebbe essere il primo Paese al mondo che autorizza la vendita legale di cocaina per uso ricreativo nella sua capitale. Il Parlamento di Berna ha sostenuto un progetto che ha come obiettivo la lotta alla droga, anche se potrebbe ancora essere bloccato perché richiede una modifica della legislazione nazionale. La Svizzera ha rivisto la sua posizione sulla cocaina dopo che diversi esperti hanno criticato il divieto totale ritenendolo inefficace. Il paese è attualmente nelle prime fasi della sperimentazione della vendita legale di cannabis.

LEGGI ANCHE

“Troppa droga nel Paese, costa meno della birra”

“La guerra alla droga è fallita e dobbiamo cercare nuove idee”, afferma Eva Chen, membro del consiglio comunale di Berna del Partito della Sinistra Alternativa e co-sponsorizzata della proposta. “Il controllo e la legalizzazione possono fare meglio della semplice repressione”. La Svizzera ha uno dei livelli di consumo di cocaina più alti in Europa. Lo si è stabilito attraverso l’analisi delle acque reflue: Zurigo , Basilea e Ginevra figurano tutte tra le prime 10 città per consumo di cocaina in Europa.

Anche città come Berna mostrano un aumento del consumo, mentre i prezzi della cocaina si sono dimezzati negli ultimi cinque anni, secondo l’organizzazione non governativa Dipendenza Svizzera. “In questo momento in Svizzera abbiamo molta cocaina, ai prezzi più bassi e alla qualità più alta che abbiamo mai visto”, afferma Frank Zobel, vicedirettore di Dipendenze Svizzera. “Al giorno d’oggi si può acquistare una dose di cocaina per circa 10 franchi, non molto di più del prezzo di una birra”.

Il progetto scientifico per legalizzare la cocaina in Svizzera

La Direzione dell’educazione, degli affari sociali e dello sport di Berna sta preparando un rapporto su un possibile esperimento sulla cocaina, anche se ciò non significa che il progetto sia definitivo. Il deputato del Parlamento di Berna, Chen, ha affermato che è troppo presto per dire come si svilupperà un progetto pilota, compreso dove sarà venduto il farmaco e come verrà procurato. Chen ha affermato: “Siamo ancora lontani da una potenziale legalizzazione, ma dovremmo considerare nuovi approcci. Ecco perché chiediamo una sperimentazione di un progetto pilota supervisionato scientificamente”.

Un portavoce del governo di Berna ha dichiarato: “La cocaina può essere pericolosa per la vita sia per i consumatori alle prime armi che per quelli a lungo termine. Le conseguenze di un sovradosaggio, ma anche l’intolleranza individuale anche a quantità minime, possono portare alla morte”. Per poter avviare un processo, il parlamento dovrebbe modificare la legge che vieta l’uso ricreativo della droga.

La decisione potrebbe arrivare nel giro di pochi anni, o prima se gli attuali programmi sulla cannabis – dove il farmaco è in vendita nelle farmacie – mostreranno risultati positivi, hanno detto gli esperti politici. Qualsiasi legalizzazione sarebbe accompagnata da controlli di qualità e campagne di informazione, ha affermato Chen, con un approccio che ridurrebbe anche un lucroso mercato criminale. Gli esperti sono divisi e anche quelli favorevoli al processo sono preoccupati per i potenziali pericoli.

Cosa puoi fare se sei dipendente dalle droghe

Se sei dipendente dalle droghe, il primo passo è ammettere di avere un problema e chiedere aiuto. Esistono diversi servizi e strutture che possono offrirti sostegno, consulenza e trattamento per superare la dipendenza. Puoi rivolgerti al tuo medico di famiglia, a un centro di ascolto o a una comunità terapeutica. L’importante è non isolarti e non vergognarti della tua situazione. La dipendenza è una malattia che può colpire chiunque e che richiede una cura adeguata. Non sei solo e puoi recuperare il controllo della tua vita.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui