Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica

Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica

Condividi

Facebook e Instagram hanno consentito l’uso di immagini con un nudo deepfake sfocato dell’attrice Jenna Ortega (quando era ancora minorenne) per pubblicizzare un’app che con l’intelligenza artificiale consente agli utenti di creare immagini false e esplicite di chiunque. E’ stata un’inchiesta della Nbc a rivelare la notizia che ha subito scatenato polemica. Un’analisi della library di annunci di Meta ha mostrato che la società dietro l’app ha pubblicato 11 annunci che utilizzavano una foto sfocata e manipolata dell’attrice di “Mercoledì” Jenna Ortega, scattata quando aveva 16 anni.

LEGGI ANCHE

I deepfake di Jenna Ortega visti migliaia di volte

Gli annunci sono apparsi sulle due piattaforme e sull’app Messenger per gran parte di febbraio. L’app, chiamata Perky AI, pubblicizzava la possibilità di spogliare le donne grazie all’intelligenza artificiale. Le pubblicità mostravano come l’app Perky potesse cambiare l’abito di Ortega nella foto in base a suggerimenti di testo, tra cui “costume in lattice”, “biancheria intima di Batman” e infine “niente vestiti”. L’app prometteva di poter creare immagini per adulti. La società elencata come sviluppatrice dell’app Perky AI si chiama RichAds. Il sito web di RichAds definisce l’azienda una “rete pubblicitaria self-service globale” che offre alle aziende modi per creare “annunci push” e altri tipi di annunci e notifiche pop-up. L’indirizzo dell’azienda è a Cipro e la società non ha risposto a una richiesta di commento.

Dopo che NBC News ha contattato Meta, è stata subito sospesa la pagina dell’app Perky, che da settembre aveva pubblicato più di 260 annunci diversi sulle piattaforme Meta. Non è chiaro quante persone abbiano visualizzato gli annunci, ma uno degli annunci di Ortega su Instagram ha avuto oltre 2.600 visualizzazioni. Trenta di questi annunci erano stati precedentemente sospesi perché non soddisfacevano gli standard pubblicitari di Meta, ma non quelli che presentavano la foto minorenne di Ortega.

Queste pubblicità inquietanti fanno parte di un problema crescente legato ai deepfake online di ragazze e donne prodotti dall’intelligenza artificiale. La pornografia creata digitalmente è stata uno dei casi peggiori, così come i deepfake usati per vendetta dagli ex. I rappresentanti di Ortega non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Apple ha anche rimosso l’app Perky che aveva riscontrato violare le sue politiche sul “materiale apertamente sessuale” dal suo app store.

LEGGI ALTRE NOTIZIE DI SPETTACOLO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram
Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica Deepfake di Jenna Ortega usati per pubblicità su Facebook e Instagram: polemica
Photo Credits: Instagram