... ... Razzismo sul figlio di Harry, il nome del secondo reale sotto accusa
Razzismo sul figlio di Harry, dopo Re Carlo ecco il secondo reale "razzista"

Razzismo sul figlio di Harry, dopo Re Carlo ecco il nome del secondo reale

Condividi

Spunta fuori il secondo nome, dopo quello di Re Carlo, della famiglia Reale britannica che ha fatto razzismo sul figlio di Harry e Meghan. Il colore della pelle di Archie sarebbe stato oggetto di battute razziste a Buckingham Palace secondo il libro scandalo “Endgame: Inside the Royal Family”. Mentre tutti i media britannici alzano un muro difensivo attorno alla corona, la trasmissione “Piers Morgan Uncensored” ha svelato tutto. Nella puntata di mercoledì ha rivelato i nomi dei due reali che avrebbero avuto “preoccupazioni” per il colore della pelle del principe Harry e del figlio di Meghan Markle, Archie, che sono stati accidentalmente menzionati nelle copie olandesi del libro scandalo “Endgame: Inside the Royal Family”.

LEGGI ANCHE

Razzismo sul figlio di Harry in un libro scandalo

Secondo Morgan i nomi sono re Carlo III e la principessa Kate Middleton, moglie del principe William, fratello maggiore di Harry. Nel libro, Omid Scobie afferma che Markle, 42 anni, ha scritto lettere private a Charles, il padre di suo marito, nominando due reali che hanno preso parte a presunte conversazioni “inquietanti” riguardanti lei e la carnagione del figlio non ancora nato di Harry. Nell’edizione finale del libro – che copre lo stato della monarchia britannica dopo la morte della regina Elisabetta II nel settembre 2022 – Scobie non nomina i membri della famiglia che si dice abbiano messo in dubbio il tono della pelle di Archie a causa delle leggi sulla diffamazione.

E’ Kate Middleton che ha scritto a Re Carlo

Il passaggio pubblicato recita: “Anche dopo che Meghan e Charles per lettera hanno discusso di probabili pregiudizi inconsci all’interno della famiglia dopo che è stato rivelato che [omissis] ha preso parte a tali conversazioni su Archie, [omissis] ha evitato di discutere l’argomento con [omissis]”. Tuttavia, diverse copie del libro tradotte in olandese e pubblicate nei Paesi Bassi avevano i nomi stampati.

Piers Morgan, 58 anni, ha spiegato ai suoi telespettatori che, sebbene non “creda che alcun commento razzista sia mai stato fatto da qualcuno della famiglia reale”, ritiene che i suoi concittadini abbiano il diritto di conoscere informazioni che solo una manciata di lettori di un altro paese il paese era inavvertitamente a conoscenza. “Francamente, se gli olandesi che entrano in una libreria possono prenderla e vedere questi nomi, allora anche voi – gli inglesi qui, che effettivamente pagano per la famiglia reale britannica – avete il diritto di saperlo”.

L’editore Xander Publishers ha annunciato martedì di aver ricevuto una richiesta dagli Stati Uniti per interrompere bruscamente le vendite del libro. “Non posso parlare dei dettagli”, ha detto in un comunicato un portavoce della casa editrice. “Abbiamo però ricevuto una richiesta di sospensione del titolo, ed è quello che abbiamo fatto. Siamo in attesa di ulteriori istruzioni. Non so quanto durerà”.

Le accuse di razzismo di Meghan Markle

Meghan Markle ha accusato la famiglia reale di razzismo per la prima volta durante la sua intervista con Oprah Winfrey nel marzo 2021. L’ex attrice non ha voluto dire con chi sarebbero avvenute le presunte conversazioni, ma ha affermato che ce n’erano “diverse” riguardo al potenziale colore della pelle di Archie. “Quanto sarà scuro il tuo bambino?” ha chiesto una sbalordita Winfrey, spingendo Markle – che è birazziale – a rispondere: “Potenzialmente, e cosa significherebbe o apparirebbe”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: TikTok