Svelato il piano nucleare di Putin: ecco cosa fa scattare la terza guerra mondiale

Svelato il piano nucleare di Putin: ecco cosa fa scattare la terza guerra mondiale

Condividi

Il piano nucleare di Putin non è più segreto, il Financial Times ha pubblicato dei documenti riservati che spiegano in quali circostanze l’esercito russo lancia i missili atomici. Documenti riservati trapelati direttamente dal programma di guerra di Vladimir Putin mostrano che la soglia per scatenare la terza guerra mondiale è “piuttosto bassa”. “Il presidente della Russia premerebbe il pulsante nucleare?”, questa è la domanda che ci si pone fin dall’inizio dell’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

LEGGI ANCHE

Gli estremisti all’interno del Cremlino – a cominciare dall’ex presidente Dmitry Medvedev – sono stati metodici nelle loro minacce all’Occidente. Ora i documenti militari, visti dal Financial Times, descrivono la soglia per l’uso di armi nucleari tattiche come più bassa di quanto la Russia abbia mai ammesso pubblicamente. “Questa è la prima volta che vediamo documenti come questo”, ha detto Alexander Gabuev, direttore del Carnegie Russia Eurasia Center di Berlino. “Dimostrano che la soglia operativa per l’uso delle armi nucleari è piuttosto bassa se il risultato desiderato non può essere raggiunto con mezzi convenzionali”.

La guerra nucleare di Putin mette a rischio Europa e Asia

Le armi nucleari tattiche della Russia sono progettate per l’uso sui campi di battaglia in Europa e Asia. Hanno una portata più limitata rispetto alle armi nucleari strategiche che potrebbero raggiungere, ad esempio, gli Stati Uniti. I dossier redatti tra il 2008 e il 2014 includono scenari di giochi di guerra e presentazioni per ufficiali della marina, che discutono i principi operativi per l’uso di tali armi. Sebbene i file risalgano a 10 anni o più, si sostiene che rimangano rilevanti per l’attuale dottrina militare russa.

Entrare militarmente in Russia fa scattare il lancio

Uno scenario possibile mostra che una risposta potrebbe essere innescata da un nemico che entra nel territorio russo. Un altro fattore scatenante sarebbe la distruzione del 20% dei sottomarini con missili balistici strategici del Cremlino. Anche la distruzione di tre o più grandi navi da guerra di superficie, tre aeroporti o il 30% dei suoi sottomarini d’attacco a propulsione nucleare sono elencate come potenziali condizioni per un attacco.

Il pericolo per Putin arriva dalla Cina

Cina e Russia possono ora godere di una partnership strategica, ma i documenti dimostrano anche una sfiducia nei confronti del regime di Xi. Un ipotetico attacco da parte della Cina potrebbe vedere la Russia rispondere con un attacco nucleare tattico per impedire al “Sud” di avanzare con una seconda ondata di forze d’invasione. “L’ordine è stato dato dal comandante in capo… di usare armi nucleari… nel caso in cui il nemico schieri unità di secondo livello e il Sud minacci di attaccare ulteriormente nella direzione dell’attacco principale”, si legge nel documento.

Mercoledì il portavoce di Putin ha affrontato la fuga di notizie: “La cosa principale è che la soglia per l’uso delle armi nucleari sia assolutamente trasparente e sia enunciata nella dottrina. Per quanto riguarda i documenti citati, dubitiamo fortemente della loro autenticità”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X
Photo Credits: X