Un 62enne si fa iniettare 200 vaccini Covid: ora la scienza lo studia

Condividi

Un tedesco di 62 anni che afferma di aver ricevuto più di 200 vaccini Covid è oggetto di studio da parte di esperti che affermano di essere rimasti stupiti. L’analisi pubblicata sulla rivista Lancet Infectious Diseases rivela che i vaccini hanno continuato a creare antigeni e a fornire una maggiore immunità, anche dopo le 217 dosi (presunte) inoculate. I ricercatori della Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg e dell’Universitätsklinikum Erlangen, Monaco e Vienna si sono avvicinati all’individuo senza nome dopo aver ascoltato i resoconti dei media locali.

LEGGI ANCHE

Certificati 134 vaccini inoculati in 9 mesi

“Lo abbiamo contattato e lo abbiamo invitato a sottoporsi a vari test a Erlangen. Era molto interessato a farlo”, ha affermato in una nota scritta il dottor Kilian Schober dell’Istituto di microbiologia dell’Ospedale universitario tedesco di Erlangen. Il team ha trovato prove ufficiali dell’esistenza di 134 vaccini Covid di otto diversi tipi in un periodo di nove mesi. Il sessantenne afferma di essere stato vaccinato 217 volte nell’arco di 29 mesi. Non è noto il motivo per cui l’uomo abbia ricevuto un numero così elevato di vaccinazioni.

Il pubblico ministero della città tedesca di Magdeburgo, dove viveva il soggetto dello studio, ha avviato un’indagine per frode per indagare sulle affermazioni dell’uomo, ma non ha mai sporto denuncia. Il partecipante entusiasta ha fornito al gruppo di ricerca campioni di sangue e saliva precedentemente raccolti, insieme a nuovi campioni. Ha anche insistito per ricevere più vaccinazioni dopo che il team lo aveva contattato e gli aveva fornito campioni dopo che quelli erano stati iniettati.

Nessun effetto collaterale dopo 200 vaccini

L’uomo super vaccinato non ha riportato alcun effetto collaterale delle vaccinazioni. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che il suo sistema immunitario produceva una grande quantità di anticorpi contro la SARS-CoV-2. “Nel complesso, non abbiamo trovato alcuna indicazione di una risposta immunitaria più debole, anzi il contrario”, ha affermato Katharina Kocher, una delle autrici principali dello studio. Il team ha scoperto che il sistema immunitario dell’uomo era perfettamente funzionante e mostrava segni di maggiore immunità contro il coronavirus, rispetto a coloro che avevano ricevuto i tipici tre cicli di vaccino.

E’ super protetto dal Covid

Si è scoperto che anche l’ultimo vaccino incluso nello studio crea più antigeni e aumenta l’immunità. I ricercatori inoltre non hanno trovato alcuna prova che il soggetto avesse mai contratto il Covid. Questo studio è stato il primo a dimostrare quali effetti l’ipervaccinazione avrebbe sul sistema immunitario. I vaccini contengono una piccola dose o qualcosa di simile al virus da cui intendono proteggere, consentendo al corpo di riconoscere l’agente patogeno e costruire una risposta rapida ed efficace, qualora dovesse entrare nel corpo. Alcuni scienziati credevano che l’ipervaccinazione avrebbe indebolito il sistema immunitario e avrebbe fatto sì che gli antigeni del corpo si abituassero al virus, rendendo i vaccini meno efficaci. Sono rimasti sorpresi nell’apprendere che era vero il contrario.

LEGGI GLI ULTIMI ARTICOLI DI SALUTE


Seguici anche su Google News: clicca qui