Re Carlo, esperti americani ipotizzano tumore alla vescica

Re Carlo, esperti americani ipotizzano tumore alla vescica

Condividi

A re Carlo III è stato diagnosticato un cancro e secondo esperti americani la malattia è probabile si sia sviluppata nella vescica. Il palazzo reale non ha rivelato quale forma di cancro abbia Carlo, ma è stato specificato che non si tratta di cancro alla prostata. I medici hanno rilevato il tumore durante quella procedura e il re ha iniziato il trattamento lunedì.

LEGGI ANCHE

Esperti americani fanno ipotesi sul tumore di Re Carlo

E’ il New York Times a dare una possibile ipotesi sulla malattia di Re Carlo. L’autorevole quotidiano americano ha sentito diversi luminari della prostata, come il dottor Peter Albertsen dell’Università del Connecticut, il quale ha definito “piuttosto raro” trovare altri tumori durante l’operazione alla prostata. Il dottor Otis Brawley, oncologo presso il Johns Hopkins Medical Center di Baltimora, ha detto che alcuni tumori richiedono un trattamento immediato, mentre per altri, il trattamento può aspettare. Il palazzo non ha descritto la gravità della diagnosi di Carlo, né il trattamento che stava ricevendo.

Alcuni tumori del sangue sono tra quelli che necessitano di un trattamento immediato, ha detto il dottor Brawley. “Abbiamo anche alcune leucemie e linfomi in cui vogliamo iniziare la terapia meno di 24 ore dopo il sospetto”, ha detto. Ha detto che dubitava che Charles avesse uno dei tumori del sangue più aggressivi, la leucemia mieloide acuta, né il linfoma di Burkitt. Ma se l’avesse fatto, il trattamento non sarebbe stato rimandato. Quindi questi tumori vengono scartati.

“Se fosse una leucemia sarebbero intervenuti subito”

“Abbiamo anche alcune leucemie e linfomi in cui vogliamo iniziare la terapia meno di 24 ore dopo il sospetto”, ha detto. Ha detto che dubitava che Charles avesse uno dei tumori del sangue più aggressivi, la leucemia mieloide acuta, né il linfoma di Burkitt. Ma se l’avesse fatto, il trattamento non sarebbe stato rimandato. Questi sono tumori “su cui saltiamo dalla sedia”, ha detto il dottor Brawley. Ha aggiunto: “Queste sono cose che iniziamo a trattare nel cuore della notte, se necessario”.

Non si sa se il cancro del re sia stato trovato mentre i medici si preparavano per l’intervento chirurgico, che può essere preceduto da qualcosa come un esame del sangue, una TAC o una risonanza magnetica. I medici possono anche rilevare un altro tipo di cancro quando passano un endoscopio attraverso l’uretra di un paziente durante il trattamento di una prostata ingrossata. Il dottor Benjamin Breyer, urologo presso l’Università della California, San Francisco, ha osservato che se un cancro viene trovato accidentalmente nella prostata di un uomo e si scopre che non ha avuto origine lì, può essere una situazione terribile.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da The Royal Family (@theroyalfamily)

L’ipotesi di tumore alla vescica per Re Carlo

“È per definizione una metastasi”, ha detto il dottor Breyer. I tumori che possono diffondersi alla prostata includono i melanomi, ha detto. Un tipo di cancro alla vescica noto come carcinoma uroteliale potrebbe anche manifestarsi nella prostata. Questo tipo di cancro alla vescica è il cancro non alla prostata più probabile da trovare come parte del trattamento per una prostata ingrossata, ha detto il dottor Scott Eggener, oncologo urologo presso l’Università di Chicago. Il rivestimento interno della vescica è diventato canceroso e si diffonde attraverso il tubo urinario, ha spiegato. Il cancro può essere trovato durante il trattamento della prostata “quando si raschia via la prostata dall’interno”.

Un cancro che potrebbe essere grave

Ci sono due tipi di questo cancro alla vescica, ha detto il dottor Judd Moul, un oncologo urologo della Duke. Uno è “più di una condizione fastidiosa”, ha detto. Il tumore viene raschiato via chirurgicamente e il farmaco viene inserito periodicamente nella vescica per trattare eventuali cellule residue. L’altro tipo, chiamato muscolo invasivo, è grave. Il trattamento consiste nella rimozione completa della vescica. “Speriamo e preghiamo che non sia quello”, ha detto il dottor Moul.

Ma di gran lunga il cancro più spesso riscontrato durante il trattamento per una prostata ingrossata è il cancro alla prostata. Ciò accade circa il 5-10% delle volte, ha stimato il dottor Breyer, anche se uno studio ha riportato che i tumori alla prostata sono stati trovati il 26% delle volte quando gli uomini sono stati trattati per l’ingrossamento della prostata. Con Re Carlo, ci sono troppe poche informazioni per stabilire che tipo di cancro ha o come è stato scoperto, hanno detto il dottor Breyer e altri.

L’annuncio ufficiale della casa reale

La notizia della diagnosi di Carlo ha avuto eco in tutta la Gran Bretagna. Funzionari del palazzo hanno detto che il re continuerà a svolgere altri compiti, compreso il suo incontro settimanale con il primo ministro, così come la pila quotidiana di documenti che completa come capo di stato britannico.

La rivelazione da parte del re del trattamento alla prostata, e ora della sua diagnosi di cancro, è insolita per la famiglia reale, i cui membri spesso rivelano poco sulla loro salute. Dopo la morte della regina, avvenuta all’età di 96 anni, il palazzo emise il suo certificato di morte, in cui la causa della morte era semplicemente “vecchiaia”.

L’annuncio fatto per evitare speculazioni

Tuttavia, lunedì i funzionari del palazzo hanno chiarito che non avrebbero rilasciato aggiornamenti regolari sulle condizioni del re e hanno chiesto ai giornalisti di non tentare di contattare le persone coinvolte nel suo trattamento. Il palazzo ha affermato nella sua dichiarazione che il re ha scelto di condividere la sua diagnosi “per prevenire speculazioni e nella speranza che possa aiutare la comprensione pubblica per tutti coloro che in tutto il mondo sono affetti da cancro”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI MONDO


Seguici anche su Google News: clicca qui
Photo Credits: TikTok